21 modi per rendere un contenuto virale [infografica]

giovedì, 24 dicembre, 2015

Creare contenuti virali è l’obiettivo di chi si occupa di contenuti web ma ottenere visibilità grazie alle condivisioni social non è affatto semplice: la concorrenza è tanta e bisogna trovare la chiave di lettura giusta per proporre i propri contenuti in maniera creativa e originale. Come fare? Quali sono gli elementi che attirano l’attenzione degli utenti e lo rendono virale?
Un’infografica realizzata da Backlinko.com elenca 21 punti di forza dei contenuti da tenere a mente quando si scrive un articolo per il web:

  1. Usare i numeri nel titolo, i post che prevedono una lista sono quelli che piacciono di più agli utenti che preferiscono articolo dalla lettura veloce e scandita da punti. Possiamo ad esempio creare elenchi di tool utili, consigli o risorse.
  2. Usare le parentesi, quando possibile, nei titoli per descrivere il tipo di contenuto proposto, ad esempio per indicare che stiamo parlando di un video, un ebook, un’infografica, ecc. Ad esempio il titolo di questo post: “21 modi per rendere un contenuto virale [infografica]“.
  3. Usare URL corti, questi infatti sembrerebbero attirare i click 2,5 volte in più rispetto agli indirizzi web più lunghi e articolati.
  4. L’URL dovrebbe essere quanto più descrittivo possibile per suggerire il contenuto della pagina sia all’utente che al motore di ricerca.
  5. Usare immagini colorate above the line che attirino l’attenzione dell’utente e lo convincano a proseguire nella lettura. Ricordiamo che i contenuti sui social che contengono immagini sono visitati il 94% in più rispetto a quelli senza.
  6. Posizionare i pulsanti per la condivisione Social nella parte alta della pagina per renderli ben visibili.
  7. Iniziare i post con frasi brevi per catturare subito l’attenzione dell’utente. Le frasi brevi a inizio articolo aumentano le possibilità che un utente prosegua la lettura del 58%.
  8. Usare le immagini per dare credibilità all’articolo. Inseriamo ad esempio immagini di statistiche e screenshot.
  9. Rendere il testo facilmente leggibile utilizzando frasi brevi, paragrafi corti, sottotitoli e liste.
  10. Fornire all’utente contenuti utili, perfetti i tutorial e i classici post “come fare per”.
  11. Usare immagini professionali e di qualità darà un valore aggiunto all’articolo. Su Facebook i post ai quali sono associate immagini di qualità ricevono il 121% delle condivisioni in più.
  12. Usare le emozioni: i contenuti che evocano reazioni emotive (positive o negative che siano) hanno il 28% delle possibilità in più di diventare virali.
  13. Creare infografiche di qualità, questo tipo di contenuto visuale può rendere davvero virale un post e ha molte possibilità di essere condiviso sui social media.
  14. Più immagini, più condivisioni. Inserire più immagini in un post ne aumenta le possibilità di ottenere visibilità sui social media.
  15. Includere gli influencers nei propri post. Come? Ad esempio spiegando come un influencer della nostra nicchia ha raggiunto determinati risultati.
  16. Prevedere una Call to Action personalizzata e specifica per chiedere la condivisione sui social.
  17. Creare contenuti lunghi, i quali hanno il 52% delle possibilità in più di ottenere consensi e condivisioni da parte degli utenti.
  18. Inserire sempre un’immagine in evidenza che accompagni l’articolo e che potrà essere usata anche per condividerlo sui social network.
  19. Compilare i Tag SEO (title e description) prendendo spunto dagli annunci Adwords che promuovono contenuti simili al nostro.
  20. Usare gli Hashtags (non solo su Twitter ma anche su Facebook e Google+) aiuterà ad aumentare la visibilità del post.
  21. Pubblicare quando gli utenti sono più attivi: la fascia oraria migliore è idealmente quella tra le 8:00 e le 12:00 (anche se ogni piattaforma social e ogni tematica può ottenere performance migliori in orari diversi e specifici).

21-modi-per-creare-contenuti-virali-infografica