8 tool per cercare e monitorare gli hashtag popolari su Twitter

giovedì, 16 aprile, 2015

Gli hashtag sono uno dei principali strumenti per intavolare discussioni su Twitter. Queste parole calde contrassegnate da un cancelletto accompagnano eventi online e offline, notizie particolari, tematiche…tutto viene collegato dagli utenti attraverso l’uso di un hashtag, il problema è scegliere quello giusto. A parte i trend topic che possiamo vedere sulla sinistra e che rappresentano i 10 hashtag più in voga del momento, è importante riuscire a individuare quelli che maggiormente generano discussione e coinvolgimento, in maniera da dare maggiore visibilità a ciò che intendiamo twittare. Per farlo esistono diversi tool, vediamone alcuni.

pubblicità twitter in italia

Hashtags.org

Hashtags.org è una piattaforma che consente di effettuare delle ricerche per hashtag, fornendo la loro definizione, i termini e i tweet correlati, le statistiche di utilizzo e gli orari in cui è stato usato più di frequente. I dati che riguardano gli orari sono in base all’ora di Chicago, quindi dobbiamo fare un piccolo sforzo di conversione, per l’esattezza aggiungere (con l’ora legale) 7 ore. Il tool di analisi è disponibile anche in versione Pro a pagamento, per raccogliere un maggior numero di dati (da 49$ a 349$ al mese). Conoscere le statistiche di utilizzo degli hashtag non è solo utile per decidere quando programmare i tweet tradizionali, ma anche per gestire una campagna Twitter Ads in maniera da sfruttare giorni, orari e periodi migliori.

hashtag.org

TagDef

#tagdef consente di comprendere e individuare gli hastag che includono più parole, o acronimi, o abbreviazioni.  Per ognuno di essi viene fornita la definizione e gli hastag correlati. Vediamo ad esempio cosa accade cercando #tvoi, l’hashtag legato alla trasmissione The Voice of Italy, che in questo momento è trend topic per l’Italia.

tagdef

Trendsmap

Trendsmap mostra una mappa degli hashtag trend in base alla località. In questo modo le campagne potranno essere geolocalizzate e si potranno creare hashtag personalizzati in funzione dell’area geografica a cui sono rivolti. Adesso vediamo che a Roma, oltre agli hashtag riguardanti trasmissioni televisive e politica, c’è anche l’hashtag ufficiale del Festival internazionale di Giornalismo 2015 (#ijf15), da usare qualora si sia trattato questo argomento o se si è presenti all’evento.

trendsmap

Keyhole.co

Keyhole.co mostra diverse statistiche riguardanti l’hashtag che viene cercato: numero di post, utenti, visualizzazioni, top post, top site, utenti influenti, posizione geografica, sesso, fonti…e poi un tag cloud che mostra gli has tag correlati, le cui dimensioni variano in funzione della forza della relazione. La ricerca può essere effettuata su Twitter, Instagram e Facebook. Quello sotto è l’ahastag che deriva dalla ricerca di #seo. Le funzioni base del tool sono gratuite, ne esistono di più avanzate che possono essere acquistate tramite abbonamento (da 129$ a 3000$ al mese).

keyhole

Tagboard

Tagboard è esteticamente un bel tool. Per ogni hashtag che viene cercato viene creata una bacheca, in cui vengono mostrati gli ultimi tweet che lo contengono, il numero di post per ora, il sentiment, gli hastag correlati e gli altri utenti che hanno una tagboard sullo stesso hashtag. Infatti, ogni ricerca può essere salvata in maniera da monitorare nel tempo l’andamento degli hashtag di nostro interesse. La ricerca può essere effettuata per Twitter, Instagram, Facebook, Google+, Vine e Flickr. Anche in questo caso, una sola tagboard è gratuita, altrimenti è necessario acquistare un account Pro.

tagboard

Hashtagify.me

Hashtagify.me è un motore di ricerca per hashtag. Un grafico mostra i 10 hashtag più popolari correlati a quello cercato, viene inoltre fornita la definizione e i tweet più popolari. Per ognuno dei 10 hastag è possibile conoscere (passando il mouse sul cerchio) la popolarità e la percentuale di correlazione. Passando alla modalità table, è possibile visualizzare i dati relativi ai trend mensili e settimanali.

Nurph

Nurph facilita le Twitter Chat, ovvero le conversazioni che si generano attorno a un hashtag. Basta effettuare il login per poter creare il proprio canale, da cui avviare e gestire una chat riguardante un hashtag di proprio interesse, quello di un brand o ancor meglio quello degli eventi. Il live twitting è una pratica molto diffusa durante eventi, congressi, tramissioni tv… con Nurph si possono gestire facilmente tutte le conversazioni che si generano.

Twubs

Twubs ha funzioni simili a quelle di Nurph. Gli utenti hanno la possibilità di formare dei gruppi di discussione intorno a trend hashtag. Dal momento che tutto il contenuto che si può trovare è generato dagli utenti può essere anche uno spunto per individuare hashtag popolari. Quello che vediamo nell’immagine è la schermata che si presenta cercando #seo (ma la ricerca ha anche il suggest, quindi è possibile individuare hashtag simili già in fase di ricerca). Per il resto si può utilizzare esattamente come una chatroom: si scrive l’hashtag, si leggono eventuali repliche o si decide di replicare al tweet di un altro utente. Per partecipare alle conversazioni è necessario registrarsi.

twubs

Fonte: SproutSocial

Articoli correlati