Internet e mobile: gli italiani e le nuove tecnologie

venerdì, 1 febbraio, 2013

La diffusione di internet e dei diversi dispositivi mobile, nati negli ultimi anni per navigare in rete, stanno cambiando lentamente le abitudini degli italiani.
Si utilizza sempre più spesso il telefonino e il tablet è sempre a portata di mano per consultare informazioni online, ma soprattutto per aggiornare il proprio status sui social network. Facebook in primis.

È la fotografia scattata dall’ultimo rapporto Eurispes 2013,  che evidenzia nuovi abitudini, usi e costumi degli italiani sempre più vicini (o almeno interessati) alle nuove tecnologie.

Secondo lo studio infatti, la diffusione del web ha favorito alcune tendenze e ha consolidato alcune abitudini: il 97,1 % degli intervistati, ad esempio, invia e riceve mail con regolarità, la maggior parte utilizza i social network (71,9%), guarda video su YouTube (60,6%), il 50% consulta regolarmente uno o più blog, il 45,2% chatta, il 40,6% gioca con i videogame online, il 38,3% scarica filmati, video, musica o giochi musica, il 35,6% legge e scrive sui forum.

Inoltre, secondo lo studio italiano il 22,3% degli intervistati legge regolarmente i quotidiani online, il 21,8% lo fa spesso, il 22,8% qualche volta, il 16,5% solo raramente, il 16,5% mai.
Ma aumentano anche gli italiani affezionati ai blog: l’11,1% legge almeno un blog tutti i giorni, il 16,9% lo fa spesso, il 25,7% qualche volta.

La diffusione dei social network
Ma non è tutto. Secondo l’Eurispes, il 91,2% degli italiani usa Facebook per guardare le attività e le foto dei propri amici, l’89,1% lo frequenta per tenersi in contatto con i propri amici attraverso commenti, il 69,2% degli italiani lo usa per condividere le proprie esperienze postando foto e video realizzati in casa, il 68,1% utilizza le chat per di fatti personali, il 68,1% lo usa per tenersi aggiornato su eventi e incontri, il 57% condivide link interessanti.

Diverso l’uso di Twitter, dove gli utenti leggono soprattutto cosa scrivono i personaggi di loro interesse (83,3%); mentre il 74,9% si aggiorna su quello che scrivono i amici. La maggioranza si tiene aggiornata sulla politica e l’attualità (65,1%), risponde ai tweet degli amici (63,6%), condivide pensieri e opinioni (61,2%), posta link, articoli, siti (51,9%).

Secondo la ricerca, l’uso dei social network cambia sta cambiando anche i comportamenti degli italiani in ambito sentimentale: oltre un terzo di chi naviga (34,8%) ha incontrato dal vivo una persona conosciuta su Internet, nel 16,9% dei casi è seguita una storia d’amore, mentre nel 38,3% dei casi ha trovato un amico. Facebook, in ogni caso, si conferma il social network più diffuso in Italia, mentre Twitter è al secondo posto, usato da quasi un intervistato su 3 (31,7%). Al terzo posto troviamo Linkedin (16,1%), seguito da Pinterest (4,5%).

Ma a crescere non sono solo i social network: un quarto degli intervistati ha dichiarato di possedere un tablet e molti hanno addirittura affermato di non staccarsene mai, specie in serata sul divano, tanto che le tavolette elettroniche hanno ormai battuto la televisione: solo il 5,1% non usa mai il mobile, mentre la tv non è guardata dal 7,3% del campione.

Smartphone mania
Naturalmente continua il boom dei cellulari. Il 54,9% ha dichiarato di utilizzarlo fino a un’ora al giorno, un cittadino su 10 (10,8%) lo usa più di 4 ore al giorno e il 9,2% da 2 a 4 ore. Il 47,1% degli intervistati possiede un telefonino di vecchia generazione, il 41,5% invece ha acquistato uno smartphone, mentre il 9,3% degli intervistati possiede addirittura più telefonini di vario tipo.
Le funzioni più utilizzate? La fotocamera (usata regolarmente dal 59% del campione consultato) mentre il 40% degli utenti naviga su Internet.

Ebook, questo sconosciuto
Sebbene l’italiano medio sia molto ben disposto verso le nuove tecnologie (la diffusione di telefonini e smartphone è l’esempio più eclatante), l’e-book non ha ancora avuto il successo atteso. Quattro italiani su cinque non conoscono gli e-reader, ma probabilmente ciò è dovuto anche allo scarso interesse per la lettura in generale e questo è confermato dai numeri: : il 22,9% degli intervistati ha dichiarato di non aver letto nessun libro nel corso degli ultimi 12 mesi; tra coloro che invece lo ha fatto il (il 77,1% del totale di intervistati) ha letto da 1 a 3 libri (35,9%), il 16,9% del campione da 4 a 6, l’11,1% ne ha letti da 7 a 12, mentre il restante 13,1% più di 12.

Tra i dati evidenziati dall’Eurispes c’è anche quello relativo agli acquisti online: gli italiani sono sempre più aperti allo shopping in rete, ma in generale c’è ancora un po’ di diffidenza: il 63,4% degli intervistati si fa tentare da sconti e coupon per effettuare acquisti online, la parte restante invece preferisce non procedere all’acquisto e utilizza internet soprattutto per informarsi su prodotti e servizi.

Vuoi sapere di più sui social network? Leggi il nostro approfondimento sul social media marketing.

Articoli correlati