Local SEO: le soluzioni agli errori dei grandi Brand

giovedì, 30 ottobre, 2014

L’importanza della Local SEO è riconosciuta anche dai grandi Brand e dalle catene di negozi in franchising per il  il ruolo nel processo d’acquisto dei clienti e dei potenziali clienti.
Gli inserzionisti lo sanno e si muovono in questa direzione e i dati e le statistiche lo confermano; parafrasando uno studio di Think with Google sulla comprensione del comportamento d’acquisto dei consumatori a livello locale, possiamo affermare che l’80% dei consumatori utilizzano il motore di ricerca per trovare informazioni a livello locale e che l’83% di chi compra vorrebbe sapere, prima di recarsi nel negozio, se quel determinato oggetto è disponibile e vorrebbe saperlo effettuando una ricerca online.

Basterebbe questo a far porre l’accento sulla Local SEO ma vogliamo ricordare anche tutti gli altri fattori di ranking fondamentali per la Local SEO.
E allora ci si chiede come mai i grandi Brand e le catene di negozi ancora fanno fatica a gestire bene la questione della Local SEO nonostante dalla loro hanno una visibilità a livello territoriale e il vantaggio di essere riconosciuti come Brand.
Grazie a un articolo di Search Engine Land abbiamo approfondito questo argomento andando a esplorare quali sono i principali errori che commettono i grossi Brand e quali sono le possibili soluzioni.

1 Errata gestione dei dati e dei processi

Se il Brand è molto grande e possiede diversi store a livello locale, da un numero variabile tra i 50 e i 200, è sicuramente impegnativo mantenere aggiornato l’elenco degli indirizzi fisici dei negozi per il team che gestisce il sito se a questo ci si aggiunge l’orario di apertura, gli URL dei siti, le offerte e le promozione che i singoli negozi hanno e tutte le diverse sfaccettature che caratterizzano i dingoli negozi allora la sfida è davvero alta.
La soluzione: una maggiore organizzazione e condivisione delle informazioni tra casa madre e negozi locali non potrà che beneficiare a entrambi. I dati e le informazioni potrebbero essere conservate in cloud accessibili da entrambe le parti, manager dei negozi e proprietari del franchising, in modo da avere sempre le ultime offerte disponibili e le informazioni aggiornate.

2 Profili ed elenchi vecchi e non corretti

Oltre alle informazioni proprie non vanno dimenticate tutte quelle che sono presenti sui siti di terze parti come Yelp, Bing, Foursquare, Yahoo, Google e tuttti quei siti che raccolgono recensioni che sappiamo essere uno dei fattori importanti per il posizionamento.
La verifica di queste informazioni è fondamentale poi per gli utenti che utilizzano i dispositivi mobile insomma l’identità del negozio e la corretta locazione influisce sulle conversioni finali.
Anche in questo caso la soluzione sarà nella gestione dei dati e a questo giunge in aiuto Google, con Google My Business per la corretta verifica delle posizioni, indirizzi e informazioni varie.

Fondamentali quindi risultano essere diverse cose, tra cui anche la velocità di caricamento del sito, le pagine dei singoli store che devono essere mobile friendly, description ottimizzate etc etc, perché non si è mai troppo grandi per fallire, anche i grandi Brand possono commettere errori.

Se vuoi farti trovare dai tuo clienti, contattaci subito!

Contatta SEO Roma

Articoli correlati