Prevenzione incendi in campeggi e villaggi turistici

lunedì, 20 agosto, 2012

Il DPR 151/2011 contenente il nuovo regolamento di prevenzione incendi, elenca all’allegato I le attività soggette alle visite e ai controlli dei Vigili del Fuoco.
La categoria delle strutture turistico – ricettive realizzate all’aperto (villaggi turistici e campeggi) con capienza superiore a 400 persone sono con esso incluse nella voce già presente: “Alberghi, pensioni, motel, villaggi albergo, residenze turistico – alberghiere, studentati, villaggi turistici, alloggi agrituristici, ostelli per la gioventù, rifugi alpini, bed & breakfast, dormitori, case per ferie, con oltre 25 posti-letto”.
Il regolamento, entrato in vigore lo scorso 7 ottobre, impone alle strutture coinvolte di adempiere gli obblighi previsti in materia di sicurezza antincendio entro la scadenza del 6 ottobre 2012.
Per conformarsi alla suddetta normativa, tali strutture ricettive sono chiamate a produrre e a presentare al Comando dei Vigili del Fuoco di competenza i seguenti documenti:

  • progetto di prevenzione incendi (che il Comando deve esaminare e approvare);
  • segnalazione Certificata di Inizio Attività – SCIA (a conclusione di eventuali lavori di adeguamento).

Riguardo alla sicurezza in questi luoghi, l’art. 6 del DPR 151/2011 stabilisce che i responsabili delle attività di cui all’Allegato I hanno l’obbligo di

  • conservare in stato di efficienza i sistemi, i dispositivi, le attrezzature e le altre misure di sicurezza antincendio presenti nella struttura prevedendo adeguati controlli e manutenzione in base alla frequenza indicata dal Comando (comunicata nel certificato di prevenzione o all’atto del rilascio della ricevuta a seguito alla presentazione della SCIA);
  • assicurare un’idonea informazione in merito ai rischi d’incendio connessi con la specifica attività, alle misure di prevenzione e protezione e alle procedure da mettere in atto in caso d’incendio;
  • registrare gli interventi di controllo, manutenzione e informazione effettuati in un apposito registro da conservare, aggiornare e mostrare in caso di controlli di competenza del Comando.

La normativa antincendio per le imprese – Sicurezza.com

Articoli correlati