SEO, i principali trend che caratterizzeranno il 2016

lunedì, 21 dicembre, 2015

Quali sono i trend che caratterizzeranno il 2016 per quanto riguarda il posizionamento sui motori di ricerca?
Un’infografica realizzata da CJG Digital Marketing analizza 8 aspetti legati alla SEO da tenere assolutamente in considerazione per le strategie web da mettere in atto con il nuovo anno.

1 – Ottenere più informazioni sul traffico web

Una parte del traffico web viene definita dagli esperti del settore Dark Traffic, ovvero quella parte di visite che il sito riceve ma che Google Analytics non è in grado di analizzare al meglio e, non potendone indicare la sorgente, inserisce nel report relativo al traffico diretto. Quando questo traffico poco chiaro aumenta diventa difficile comprendere le modalità di acquisizione delle visite e mettere in atto adeguate strategie SEO per migliorare e performance del sito.
Chi si occupa di SEO sta tentando di focalizzare l’attenzione su questo aspetto attraverso l’uso di filtri e l’analisi delle pagine di destinazione. Chiarire la provenienza di questa fetta di pubblico sarà certamente uno degli obiettivi comuni nel 2016.

2 – Rispondere alle domande degli utenti

Le domande che gli utenti pongono direttamente nelle query digitate sul motore di ricerca sono in costante aumento e Google tenta di offrire risposte sempre più complete e veloci attraverso le Rich Answers. Questo può mettere in ombra gli articoli che trattano gli stessi argomenti seppur ben posizionati è quindi molto importante lavorare accuratamente sulle risposte alle domande che possono porre gli utenti appartenenti alla nostra nicchia lavorando soprattutto sulle longtail e su contenuti di alta qualità.

3 – Doppio approccio: ragionare lato SEO e lato utente

Secondo Rand Fishkin di Moz.com è importante tenere conto del comportamento degli utenti così come ne tiene conto Google al punto che questo fattore è considerato determinante per il ranking di un sito.
In questo senso la formula migliore per ottenere dei buoni risultati di posizionamento deve essere basata su un doppio approccio che tenga conto dei tradizionali fattori SEO da un lato (quindi keyword, contenuti unici e di qualità, usabilità, ecc) e del comportamento degli utenti dall’altro (CTR, analisi di short e long click, ecc).

4 – Lavorare su keyword creative e sinonimi

Con l’evoluzione che negli ultimi mesi ha caratterizzata la ricerca semantica non è sufficiente basarsi su specifiche parole chiave ma è fondamentale considerare il contesto in senso più ampio. Nel 2016 sarà importante concentrarsi sull’ottimizzazione dei contenuti per keyword più creative, sinonimi e termini correlati.

5 – Sfruttare i diversi elementi della SERP

Gli elementi che caratterizzano ad oggi le pagine dei risultati di Google sono diversi e le SERP si presentano sempre più ricche e dinamiche per soddisfare i bisogni degli utenti. Il posizionamento organico di un articolo non è più sufficiente e i link ben posizionati non hanno più la visibilità di una volta.
Concentrare gli sforzi sulla creazione di contenuti che offrano agli utenti delle risposte più immediate e complete è il modo migliore per sfruttare le nuove dinamiche delle SERP: inseriamo ad esempio nei siti web rich snippet ed elementi local.

6 – Puntare sul mobile

L’ottimizzazione dei siti web per mobile ha già dimostrato la sua importanza nel 2015 e oggi non si può non tener conto dell’ascesa delle ricerche da dispositivi quali smartphone e tablet e di come queste influenzino anche le azioni degli utenti a livello local (come andare in un negozio dopo aver fatto una ricerca da mobile).

7 – Considerare il potere della ricerca vocale

L’integrazione della ricerca vocale nelle ricerche online sta modificando le abitudini degli utenti: secondo alcuni dati il 55% dei ragazzi e il 41% degli adulti usano almeno una volta al giorno le ricerche vocali. Questo tipo di ricerche ben si allinea tra l’altro alla ricerca semantica che pone attenzione su frasi più lunghe e specifiche, quelle che caratterizzano appunto le ricerche vocali degli utenti.

8 – Sfruttare video e contenuti interattivi

I video sono diventati elementi fondamentali per il traffico web soprattutto grazie alle modalità di fruizione sempre più semplici attraverso apposite applicazioni.
Come i video anche altri elementi interattivi possono aumentare traffico e visibilità, tra questi ad esempio quiz, sondaggi e infografiche interattive.

seo-2016-infografica