8 dati che vi convinceranno a usare le immagini sul web

martedì, 18 novembre, 2014

Quante volte avremo ripetuto che le immagini rappresentano un elemento fondamentale per un contenuto web e vanno assolutamente inserite nella progettazione di un sito web e non solo come “decorazione”, bensì come componente attiva dell’utilità dle sito (che sia portare conversikoni, leads, promuovere un prodotto/servizio…). Numerose ricerche dimostrano il ruolo centrale dell’immagine, oggi ne vediamo alcune piuttosto convincenti raccolte da Hubspot.

Usa le immagini di persone reali

Uno fra i tanti studi di Nielsen del 2011 ha dimostrato che gli utenti trascorrono il 10% di tempo in più ad osservare un’immagine, piuttosto che leggere il contenuto biografico associato all’immagine stessa. Inoltre, anche se il contenuto testuale occupa il 316% in più di spazio, ed è quindi quantitativamente dominante, gli utenti preferiscono comunque concentrarsi sulle immagini.

L’unica eccezione è stata riscontrata nel caso in cui le immagini siano di repertorio, cioè immagini che servono solo a riempire lo spazio senza dare un valore aggiunto al contenuto, in questo caso gli utenti tendono a ignorarle. Ciò a dimostrare che l’utente deve trovare un’utilità nell’immagine, che ha il compito di completare il messaggio e non solo di abbellirlo.

immagini contenuto yale

Immagine che non porta valore aggiunto

Combina testo e immagini

In uno studio condotto da Socialbakers sui post su Facebook ha rilevato che quelli che hanno un’immagine rappresentano il 93% dei post con un maggiore engagement, rispetto a link, aggiornamenti di status e anche video.

facebook post photos

Seppure lo studio riguardi solo Facebook è certo che il concetto vale nello stesso modo per altri contenuti web, compresi quelli dei blog. Questo perché al prevalenza dell’immagine sulle parole dipende dalla codifica effettuata dal nostro cervello. L’immagine viene inserita in maniera concreta nella memoria, mentre le parole sono registrate in maniera astratta.

Ottimizza le immagini per caricarle velocemente

Anche se ormai le connessioni veloci sono sufficientemente diffuse, rimane necessario far sì che le pagine web si carichino rapidamente. I tempi di caricamento hanno una valenza SEO, ma soprattutto sono una necessità dell’utente.

Le immagini ovviamente hanno un ruolo nel caricamento di una pagina web e a volte questo ruolo è troppo “pesante”, nel senso che sono la principale causa di rallentamenti. Oggi, secondo i dati di Akamai, 2 secondi sono il tempo massimo che un utente è disposto ad attendere (nel 47% dei casi).

Ci sono numerosi studi che dimostrano che la lentezza di caricamento è uno dei principali motivi di fastidio per gli utenti. In poche parole un’immagine che si carica lentamente perde tutto il suo effetto benefico.

Usa le infografiche

Molti studi hanno dimostrato che il cervello umano elabora le immagini molto più velocemente del testo. Questi dati sono coerenti con la dimostrata efficacia delle immagini, gli utenti attraverso l’immagine riescono a comprendere e ricordare più velocemente i concetti, il messaggio arriva prima. È così per tutti, non c’è un essere umano che capisce prima il testo dell’immagine. Ecco perché l’uso delle infografiche è sempre consigliabile, aiuta a veicolare concetti, a volte anche complessi, in maniera rapida ed efficace.

Punta alla qualità

Le immagini sono un modo per migliorare l’engagement di un contenuto web, ma non basta che ci sia un’immagine qualsiasi. Secondo lo Stanford Persuasive Technology Lab il design è uno dei primi elementi che viene valutato per definire la credibilità di un marchio, va da sé che questo significa utilizzare immagini di buona qualità, possibilmente create ad hoc da uno specialista di graphic design.

Usa le immagini per le call to action

Uno studio condotto dalla University of Minnesota School of Management e la 3M Corporation ha analizzato l’efficacia delle presentazioni che contengono elementi visivi, in rapporto a quelle che non ne contengono. Le prime sono state il 43% più efficaci, hanno portato cioè conversioni.

Gli ecommerce dovrebbero prendere spunto da questa ricerca, si basano tutti sulla persuasione, il convincimento di un utente ad acquistare un prodotto da te piuttosto che da un concorrente. In questpo processo l’immagine ha un ruolo fondamentale, motivo per cui deve essere usata in accompagnamento alle call to action.

Impagina le immagini a sinistra/destra del paragrafo

layout text image

In accordo con una ricerca di Buffer, le persone preferiscono leggere testi che hanno un’immagine posizionata sulla sinistra o sulla destra del paragrafo.

Il motivo dell’efficacia di questa impaginazione sta nel fatto che le persone richiamate dall’immagine leggeranno anche il testo vicino ed inoltre si fa molta meno fatica a leggere le righe corte, piuttosto che quelle lunghe come tutta la pagina.

Usa un numero giusto di immagini

Secondo uno studio di Blog Pros  su 100 blog che si trovano nelle prime posizioni della SERP il numero giusto di immagini è in rapporto 1 ogni 350 parole.  Non esiste una formula definitiva, di sicuro le immagini devono essere quante ne occorrono per rendere il concetto più chiaro e immediatamente comprensibile.