Suggerimenti per la sicurezza dal team di Facebook

martedì, 19 giugno, 2012

Il team di Facebook lavora continuamente al fine di tutelare la privacy e la sicurezza dei propri utenti sia attraverso lo sviluppo di una piattaforma sempre più solida e sicura che attraverso l’informazione, è fondamentale infatti che sia lo stesso utente il primo a tutelarsi attraverso alcuni piccoli accorgimenti.

Facebook invita a seguire alcuni importanti suggerimenti per la sicurezza e lo fa attraverso una pagina dedicata e un video in cui un ingegnere che lavora nel team per la sicurezza spiega come tenersi lontani da truffe e violazioni della privacy.
Nel video vengono indicati due potenziali fattori di rischio per gli utenti del Social Network:

  • Le numerose truffe che si nascondono dietro ad offerte ed inserzioni
  • Il furto della Password

Spesso l’attenzione dell’utente viene catturata da inserzioni pubblicitarie che promettono sconti o regali eccezionali che, nella maggior parte dei casi, sono in realtà vere e proprie truffe. È importante diffidare da questi messaggi, imparare a riconoscere le inserzioni su Facebook che pubblicizzano prodotti o servizi reali e ricordare una semplice regola: se l’offerta è fin troppo allettante probabilmente non è vera!
Quali sono le truffe più comuni? Biglietti aerei gratuiti e coupon regalo che promettono oggetti costosi e di valore.

Quando si parla di password e sicurezza dei dati personali sembra quasi banale ricordare che le proprie credenziali d’accesso devono rimanere riservate eppure ancora moltissimi utenti fanno l’errore di comunicarle ai propri amici o conoscenti. È fondamentale che nessuno conosca le nostre password e che queste rispondano ai criteri di sicurezza, ad esempio non è buona regola utilizzare la stessa password per l’e-mail e per accedere ai Social Network.

Facebook mette inoltre a disposizione un utile servizio che permette, confermando il proprio numero di cellulare, di ricevere direttamente sul proprio dispositivo mobile un SMS con una nuova password nel caso in cui dovessimo dimenticarla.

Articoli correlati