I trend 2015 del marketing online per il settore turistico

martedì, 3 febbraio, 2015

Il settore turistico è uno di quelli che deve sempre aggiornarsi su ciò che accade sul web, sulle nuove tendenze e le nuove modalità di utilizzo degli utenti. È ormai chiaro che il web sia una fonte inesauribile di informazioni, ma anche di offerte per chi ama viaggiare in maniera consapevole. Dai siti di recensioni, per conoscere le strutture e sceglierle basandosi anche sull’opinione di altri, ai siti di prenotazione, che offrono prezzi decisamente concorrenziali e diverse garanzie, fino ad arrivare a blog e social network. Il viaggio e il turismo sono tematiche che vengono ampiamente trattate e dibattute online e gli operatori del settore devono fare i conti con questa prospettiva.

marketing per strutture ricettive

L’infografica di Dojo Design Studio che proponiamo oggi mostra i trend del marketing turistico previsti per il 2015.

Diventa mobile

Se ancora non fosse chiaro essere mobile è fondamentale e lo è soprattutto per tutte quelle attività che possono richiamare un pubblico in mobilità, come quelle turistiche. Pensiamo alla visita di una città, per cercare un ristorante dove mangiare è molto probabile che utilizzeremo uno smartphone. Lo stesso vale per le attrazioni, per i musei, per le mostre, per i monumenti e spesso anche per hotel e b&b. Se non bastasse i dati dicono che il 25% degli utenti prenoterà un hotel tramite smartphone nel 2015 e che il 50% userà un tablet. Inoltre l’80% utilizzerà nuovamente uno di questi device per la prenotazione. Altri dati ci dicono che l’impressione che fa un sito non mobile non è buona, tanto che il 60% degli utenti non raccomanderà un’attività che non ha il sito responsive o mobile friendly.

Inizia a produrre contenuti video

I video hanno un forte impatto nel processo decisionale, inoltre contribuiscono al posizionamento su Google e sui motori di ricerca interni ai siti di prenotazione. Ricordiamo inoltre che YouTube è il secondo più grande motore di ricerca al mondo, pubblicare dei video ottimizzati sulla piattaforma potrebbe essere un punto a vostro favore rispetti ai tuoi concorrenti che non lo fanno. L’85% degli utenti decide di prenotare un tour dopo aver guardato un video di buona qualità.

Sfrutta i social network

Avere o non avere dei canali social non è più un’opzione, è un obbligo e ogni attività che lavora nel turismo dovrebbe attrezzarsi affinché i canali siano curati e seguiti da personale dedicato. Questo perché gli utenti si aspettano di trovare la pagina Facebook dell’hotel, si aspettano di poter fare il checkin, si aspettano di poter leggere recensioni su Google+ Local. Fa parte della vita quotidiana di tutti ed è perciò un’aspettativa che non va delusa. Dati alla mano:

  • Il 75% dei viaggiatori in vacanza aggiorna il proprio profilo Facebook
  • Il 55% dei brand del settore turistico ottiene prenotazioni dai social media
  • Si stima che dal 2016 i social media daranno il primo mezzo per ottenere prenotazioni e introiti per la metà del mercato turistico
  • Il 52% dei viaggiatori cambia i propri piani di viaggio s influenzato dalle opinioni sui social network

Non sottovalutare le recensioni

Per quanto scomode e fastidiose le recensioni sono importanti per i tuoi clienti, anche se a te non piace riceverle e molto spesso hai un moto di rabbia verso l’utente che ha parlato male della tua attività. Le recensioni sono sempre uno spunto di miglioramento e ricorda che chi le leggerà è una persona che ha un cervello ed è in grado di fare valutazioni. Se su 100 recensioni ce ne sono 2 o 3 negative difficilmente non ti sceglierà a causa loro. Inoltre ricorda che l’88% dei viaggiatori legge le recensioni prima di prenotare e la metà di essi le considera il principale fattore di influenza sulla scelta finale.

Il consiglio è di chiedere ai clienti di lasciare recensioni, di leggerle con uno spirito di autocritica e di rispondere, quando possibile, mettendo in risalto le qualità e scusandosi per gli errori.

Il blog non passa mai di moda

Fare blogging con contenuti di qualità, interessanti e utili è un valore aggiunto per il brand e anche per il posizionamento dell’attività sui motori di ricerca. Quando si cercano informazioni online su una località che si vuole visitare spesso ci si affida ai post pubblicati su un blog: per conoscere le attrazioni, gli eventi in programma, le attività offerte dal territorio… Se offri queste informazioni sul tuo blog è probabile che otterrai traffico potenzialmente interessato a prenotare presso la tua struttura. Inoltre avrai materiale interessante da pubblicare sui social.

  • Il 30% dei viaggiatori legge i blog pria di prenotare
  • Il 60% dei proprietari di attività turistiche che hanno investito in un blog lo considera fattore che fa crescere le vendite
  • I blog sono il terzo canale più influente sulla decisione di acquisto

Investi nelle foto

Investire in foto di qualità e professionali porta i suoi risultati. Per gli utenti, come nel caso dei video, avere la possibilità di vedere come sarà la struttura in cui soggiorneranno o mangeranno o che visiteranno è molto importante. Avere foto professionali significa presentarla al meglio. Il 95% degli utenti è più attratto da contenuti che contengono immagini che da quelli che non ce l’hanno.

Velocizza il sito

Tornando al primo punto, un sito oltre a essere mobile deve essere veloce e quindi leggero. Se un utente si connette dallo smartphone non sempre ha a disposizione una rete wi-fi veloce, specie in Italia dove le reti cellulari ad alta velocità non sono ancora presenti ovunque, è importante fare in modo che il vostro sito si carichi rapidamente e possa essere navigato senza attendere minuti. Le conversioni diminuiscono del 55% se una pagina impiega più di 5 secondi a caricarsi e l’80% degli utenti non torna più su un sito che si carica lentamente.

Sfrutta l’email marketing

Le email continuano ad essere utilizzate e apprezzate. Impostare una campagna di email marketing è un’efficace strumento per promuovere la tua attività, farla rimanere nella memoria dei tuoi clienti, mettere in evidenza offerte e promozioni e in generale rafforzare il tuo brand. Il 44% dei consumatori finalizza un acquisto dopo aver ricevuto un’email promozionale.

Punta sul local

Chi più di un’attività turistica deve tenere conto dell’aspetto locale. Sviluppare contenuti che riguardano il proprio territorio non solo dà un valore aggiunti a clienti e potenziali clienti, ma permette anche di migliorare la visibilità nel motore di ricerca, specie per chi cerca da mobile. Il 49% degli utenti cerca da smartphone le attrazioni turistiche quando si trova già nella località, ad esempio quali sono i ristoranti più vicini e un terzo delle ricerche da mobile sono geolocalizzate.

Non dimenticare Google AdWords

Anche se il posizionamento nella ricerca organica è fondamentale, non si può sottovalutare la forza di una campagna AdWords, specie per promozioni, offerte o periodi dove può esserci molta competizione. Il 68% degli utenti clicca su un annuncio AdWords quando deve effettuare un acquisto online e l’86% ne sceglie uno che si trova nelle prime tre posizioni.

Per vedere l’infografica completa clicca qui

infografica marketing turistico