Twitter: come si usano i nuovi retweet con commento

martedì, 21 aprile, 2015

Da poche settimane Twitter ha modificato le modalità con cui si può effettuare un retweet, se prima eravamo costretti a condividere il tweet esattamente come era stato pensato dall’autore originale, adesso abbiamo la possibilità di inserire un nostro commento. Questa funzionalità è molto interessante e nello stesso tempo necessità di una certa padronanza d’uso per evitare di fare errori. La settimana scorsa sul blog ufficiale italiano di Twitter è comparso un articolo che offre 5 suggerimenti per usare al meglio il retweet come strumento di branding, con tanto di esempi pratici messi in atto dalle PMI presenti sul microblog.

pubblicità twitter in italia

La prima cosa da dire sul nuovo retweet con commento è che quando si aggiunge una nota personale non sarà più possibile, per l’utente che vede il retweet, cliccare direttamente sul link. Dovrà cliccare sul RT e poi da lì potrà interagire con hashtag e link presenti in esso. Di positivo c’è che inserendo un commento si possono dare le proprie spiegazioni sul perché si è scelto di retwittare quell’argomento, cosa c’è di interessante e personalizzare il messaggio che si vuole inviare al proprio pubblico di follower.

La seconda cosa da sottolineare è che il retweet con commento non è il miglior modo per attirare l’attenzione dell’utente che si sta retwittando. Molti usano il RT per farsi notare, poiché la notifica del RT apparirà sia nella scheda notifiche che in quella menzioni. Nel caso del retweet con commento, invece, verrà visualizzato solo nella scheda notifiche, che meno utenti prendono in considerazione perché include numerose informazioni (aggiunta a preferiti, aggiunta a liste, menzioni…). La soluzione è quella più antica: fare un RT manuale, citando l’utente di cui si vuole attrarre l’attenzione e potendo comunque esprimere la propria opinione e veicolare il proprio messaggio.

Terzo aspetto del reweet con commento è che le immagini e le Twitter card non vengono più mostrate correttamente, cosa che non accade con i retweet tradizionali. Se nel tweet originale è possibile vedere una Twitter card, con immagine grande e descrizione del link, nel RT con commento tutto questo si annulla e perde decisamente di appeal. L’immagine seguente mostra il tweet originale e il relativo RT con commento, come vediamo l’aspetto non è certo interessante come l’originale.

twitter retweet commento twitter card

Se il tweet originale avesse contenuto una foto, il risultato sarebbe stato molto simile, come vediamo dall’immagine che segue.

twitter retweet commento foto

Per cancellare un RT con commento occorre procedere come se si stesse cancellando un proprio tweet (tre pallini -> Elimina tweet). Per annullare il RT tradizionale, invece, è sufficiente cliccare sull’icona del RT.

Anche incorporare un RT con commento è differente, infatti nell’embed il tweet che viene citato appare come un link e non sottoforma di anteprima come nei casi che abbiamo visto finora. L’unica soluzione è fare uno screenshot che contiene un link verso il RT, in maniera che cliccando dal sito gli utenti possano vederlo. Provare per credere.twitter retweet commento embed

Dal punto di vista dell’analisi dei risultati, per chi viene retwittato il conteggio visibile sotto al tweet è relativo solo ai RT tradizionali, mentre quelli con commento non vengono mostrati se non nelle notifiche.

Per chi fa il retweet, quelli con commento appaiono nelle statistiche della piattaforma di analytics interna a Twitter proprio come se fossero tweet propri, di conseguenza se ne può misurare l’impatto.

In generale, quindi, possiamo dire che il RT con commento è una buona opzione nel momento in cui vogliamo esprimere una nostra opinione riguardo a una tematica trattata in un tweet di un altro utente, senza però avere lo scopo di attirare la sua attenzione. Se invece vogliamo raggiungere tutti gli obiettivi di un RT: attirare l’attenzione, esprimere l’opinione, conservare l’aspetto del tweet originale, analizzare i risultati allora dobbiamo affidarci al RT manuale.

Fonte: Hubspot

Articoli correlati