Le basi del web marketing per le piccole e medie imprese

giovedì, 24 gennaio, 2013

Le piccole aziende a volte sono restie a farsi pubblicità utilizzando il web, in parte hanno paura dei costi, in parte in alcuni casi questi costi sono in effetti molto elevati. Nonostante ciò rimane fondamentale, in una società sempre più tecnologica e connessa, impostare la propria presenza sul web. Sono alcuni i passaggi che un’azienda, anche piccola, deve seguire per assicurarsi di essere sul web nella maniera giusta.

  • Ottimizzazione: selezionare le giuste parole chiave, quelle che permettono di arrivare al target, ma che non sono troppo competitive, è fondamentale. In base a quelle va costruito il sito web e tutta la strategia di web marketing. Non ci stanchiamo mai di ripetere che è inutile avere un sito web se questo è rintracciabile solo da chi già ne conosce l’indirizzo, è fondamentale che l’utente che cerca su Google, per parole chiave che riguardano il tuo business, trovi il tuo sito aziendale.
  • Contenuti: va bene l’ottimizzazione del sito, ma sono altrettanto, se non di più, importanti i contenuti che proponi. Il content marketing è una delle realtà più rilevanti nel 2013, proporre qualcosa che sia interessante, utile, potenzialmente virale incrementa la visibilità del tuo brand e la fidelizzazione degli utenti. Inoltre far posizionare un sito senza contenuti originali è ormai praticamente impossibile.
  • Social network: i social network sono luoghi dove persone reali si incontrano nel virtuale, bisogna concentrarsi sul fatto che sono persone vere, che hanno una vita vera, durante la quale hanno dei bisogni e fanno degli acquisti. I social network sono quindi un canale per le aziende per raggiungere più facilmente i potenziali clienti. La principale differenza rispetto ai canali tradizionali (vedi pubblicità sui giornali, spot televisivi o radiofonici) è che qui c’è dialogo. L’utente può tranquillamente scrivere sul tuo profilo, pubblicamente, e tu non potrai non rispondere. In un certo senso spingono le aziende a essere più sincere, ma allo stesso tempo fanno in modo di far emergere chi lavora davvero con qualità.
  • Contatti: ottenere le informazioni di contatto, come gli indirizzi e-mail, è importante per poter inviare offerte o promozioni, ma è difficile perché gli utenti sono sempre più riluttanti a rilasciare i loro dati personali. Per ottenerli bisogna dare loro qualcosa in cambio, basta poco: un e-book gratuito, uno sconto sul prossimo acquisto, l’accesso a una speciale promozione. Inoltre i moduli di contatto devono essere brevi, talmente brevi che l’utente non deve avere il tempo di ragionare e pensare di premere ESC.
  • Monitoraggio: è fondamentale, per sapere se staio operando bene, analizzare e monitorare i risultati raggiunti. Ci sono strumenti a pagamento, ma ce n’è uno straordinario che è completamente gratuito: Google Analytics. Potrai tracciare una quantità enorme di informazioni senza dover pagare nulla.
  • Onnipresenza: se hai un negozio sarà aperto 8-10 ore al giorno, se hai un sito questo è aperto 24 ore al giorno, sempre raggiungibile, sempre visualizzabile e in maniera molto comoda dal pc dalla poltrona di casa, dal tablet mentre si è in treno, dal cellulare mentre si passeggia.  Il sito web ti permette di esserci sempre per i tuoi clienti e per quelli che potrebbero diventarlo. Se poi hai un’e-commerce questo discorso è ancora più valido, è come avere il negozio sempre aperto e guadagnare anche mentre stai dormendo.

Se hai una PMI e vuoi una strategia di web marketing ad-hoc, che rispetti le tue esigenze economiche e di business

web marketing PMI

Articoli correlati