Attestato HACCP promoter: perché averlo e come ottenerlo

giovedì, 6 settembre, 2012

A PMI Servizi giungono numerose richieste da parte di chi intende svolgere l’attività di promoter. Le domande avanzate più di frequente riguardano la necessità di ottenere l’attestato HACCP anche per questa attività e se l’attestato va a sostituire il vecchio libretto sanitario. La risposta è sì in emtrambi i casi.

Il sistema normativo che regola la sicurezza alimentare e l’HACCP, ossia l’autocontrollo alimentare, è complesso e prevede decreti leggi sia a livello comunitario sia a livello nazionale. In Italia la normativa HACCP attualmente in vigore, il Decreto Legislativo 193/07, dà “attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore“.

L’attestato HACCP è legalmente ricosciuto e sostituisce il vecchio libretto sanitario. Chi lavora a contatto con i prodotti alimentari è obbligato dalla legge ad ottenere l’attestato HACCP. Per contatto con i prodotti alimentari si intende qualsiasi tipo di attività che coinvolge i generi alimentari destinati al consumatore. Quindi non si parla solo di chi manipola direttamente gli alimenti, ma anche di chi li trasporta, li sistema negli scaffali dei supermercati o deve pubblicizzarli, come nel caso dei promoter.

Il promoter è la persona incaricata a pubblicizzare un prodotto, in questo caso alimentare, per portare i consumatori all’acquisto. Solitamente la figura professionale in questione si trova all’interno dei supermercati o nei centri commerciali ed entra in contatto con alimenti già precedentemente manipolati. Anche il promoter ha quindi l’obbligo di richiedere l’attestato HACCP e di seguire preventivamente un corso di formazione per ottenerlo.

Il promoter alimentare deve seguire il corso per addetti che non manipolano alimenti. PMI Servizi organizza il corso sia in modalità online sia in sede. Se si sceglie la modalità online, la registrazione è gratuita e consente di accedere al programma del corso e al materiale didattico. Il programma verte su:

  • il sistema di autocontrollo alimentare HACCP;
  • il controllo visivo e di verifica della merce;
  • le norme igieniche di base;
  • le temperature e il microclima.

Al termine del corso, il candidato è tenuto a superare un test finale per ricevere l’attestato. Il costo del corso è pari a 35 euro + Iva, da versare solo in caso di esito positivo del test, per ricevere l’attestato. Contatta PMI Servizi per richiedere maggiori informazioni.

Articoli correlati