Corsi HACCP per la sicurezza alimentare

lunedì, 23 aprile, 2012

L’introduzione del D.Lgs. 193/07 ha reso obbligatori i procedimenti HACCP per tutte le aziende che producono, manipolano, somministrano e vendono alimenti. L’HACCP (Hazard Analysis and Critical Control Points) è un sistema di autocontrollo che si basa sull’individuazione di punti critici che vanno analizzati, affinché gli alimenti non vengano contaminati e si mantengano salubri. La prima legge che introduce in Italia il sistema HACCP è il D.Lgs. 155/1997, il pacchetto igiene europeo che comprende i Reg. CE 852-853-854 del 2004 ha portato poi al D.Lgs. 193/07 che ha definitivamente abrogato il precedente decreto. Fra i nuovi obblighi previsti c’è stato quello del conseguimento di un attestato per diventare addetto che manipola alimenti, che non manipola alimenti o responsabile dell’industria alimentare. Tale attestato consgue al superamento di un test alla fine di appositi corsi HACCP.

I corsi HACCP

Come anticipato si possono ricoprire diversi ruolo nell’industria alimentare, ognuno di questi presuppone il possesso di una qualifica adeguata, in sostituzione del vecchio libretto sanitario, giudicato inadeguato per il mantenimento degli standard qualitativi del sistema HACCP.

  • Corso per responsabile dell’industria alimentare: questo corso ha una durata di 12 ore e può essere seguito anche online, in modalità FAD. In questo modo si risparmierà tempo e denaro per gli spostamenti e per il costo del corso in sede. Durante questo corso si apprenderanno nozioni riguardanti il sistema HACCP, le norme igieniche, il quadro normativo, la gestione del personale addetto ecc…
  • Corso per addetto che manipola alimenti: come per il precedente anche questo corso potrà essere seguito online. Ha una durata di 8 ore ed è rivolto a tutto il personale che entra in diretto contatto con gli alimenti lungo la filiera di produzione.
  • Corso per addetto che non manipola alimenti: questo corso è rivolto a chi lavora nell’ambito della produzione, trasporto, somministrazione di alimenti ma non entra a contatto diretto con questi. Se prima non c’era l’obbligatorietà del libretto sanitario, adesso è entrato in vigore l’obbligo di seguire questo corso della durata di 4 ore, anche in modalità online.

Al termine di ogni corso si dovrà sostenere un test e solo il suo superamento con esito positivo darà diritto all’attestato necessario per lavorare nell’ambito dell’industria alimentare. Ti ricordiamo che il mancato possesso dell’attestato ti rende passabile di sanzioni. L’entità di quest’ultime viene definita a livello regionale, ad esempio per la Regione Lazio vanno presi di riferimento la Delibera n.282/02 che riguarda nello specifico la formazione degli alimentaristi e la Delibera n. 230/06 che riguarda la sospensione del rilascio/rinnovo del libretto di idoneità sanitaria.

Articoli correlati